Il campus

Il campus

QUANDO LA DIDATTICA MODELLA GLI SPAZI

 

La struttura scolastica nel suo complesso (l’illuminazione, l’organizzazione degli spazi nelle classi, gli arredi, i materiali etc.) incide in buona parte sul benessere psico-fisico degli allievi.
Il rapporto tra le intenzioni pedagogico-didattiche e l’architettura diventa strettissimo e porta alla ridefinizione delle aule, in cui la flessibilità è una caratteristica preminente.

 



Alla BBSchool gli spazi sono molti e di diverse dimensioni, capaci di accogliere grandi e piccoli gruppi di studenti a seconda del tipo di attività da svolgere (studio individuale, lavoro di gruppo, attività di ricerca).
La classe dunque si scompone -aula liquida- per rendere lo spazio un ambiente operativo in cui la differente e flessibile distribuzione delle postazioni di lavoro, integrata dai nuovi strumenti multimediali (lavagne interattive, computer, tablet etc.), rende l’apprendimento concreto e reale.

Gli spazi didattici della BBSchool sono pensati per facilitare la condivisione della conoscenza, la ricerca, la riflessione e la collaborazione; sono organizzati e strutturati per facilitare i differenti tempi e ritmi di apprendimento individuale, consentendo anche l’esecuzione di attività diverse nello stesso momento.

Un ambiente psicologicamente stimolante contribuisce a rafforzare anche il senso di appartenenza da parte degli studenti verso gli spazi della scuola, diventando così parte integrante della loro identità.

Il parco di 18.000 mq diventa così un laboratorio a cielo aperto che accoglie una serra dedicata all’attività di Gardening, il campetto da calcio in erba sintetica, il grande giardino attrezzato della Nursery coperto da una tensostruttura di 120 mq e lo spazio “playground” degli studenti più grandi.

Una grande palestra completerà nell’anno 2017 gli spazi esterni.