EHI, WHAT'S UP?

WE ARE A TEAM

06/12/2018

WE ARE A TEAM

Io corro

perché la corsa ce l’ho dentro,

perché la corsa fa parte della mia vita, 

corro perché i miei passi mi portano lontano,

corro perché esploro, corro perché mi sento libera,

corro per andare incontro agli altri,

corro da sola, con i miei pensieri e con i miei sogni,

corro con i miei compagni di squadra e con il mio allenatore,

corro con le mie amiche e con i miei amici,

corro quando sono felice e quando sono triste, 

corro perché lo sport mi fa stare meglio, mi fa sentire viva,

corro perché mi piace fare fatica,

corro perché la corsa mi fa stare bene.

 

Le classi prima e seconda media hanno partecipato nei giorni scorsi al Centro Sportivo di Bagnatica alla fase distrettuale dei Campionati Studenteschi di Corsa Campestre. Ci siamo preparati e abbiamo organizzato la trasferta tutti insieme, per i ragazzi era un appuntamento importante.

Al termine della gara ho guardato negli occhi tutti i ragazzi, sia quelli che hanno gareggiato indossando il pettorale, sia quelli che hanno fatto da supporters con i loro cartelloni colorati inseguendo e tifando i compagni correndo da una parte all’altra del campo.

E ho capito che oggi è stata una giornata speciale e che anche per loro la corsa ha compiuto una magia. Forse i ragazzi non lo sanno ancora ma la giornata di oggi resterà per sempre dentro di loro e nei loro cuori.

Ho visto il loro entusiasmo, il loro impegno, il loro mettersi in gioco, ho sentito il tifo per i loro compagni, mi sono gustata i loro sorrisi, il loro cercarsi uno con l’altro. Li ho visti scambiarsi i guanti, aspettarsi, cercarsi e trovarsi. Essere lì tutti insieme sulla linea dello start pronti a partire ha significato aver vissuto qualcosa di speciale, portarsi a casa questa esperienza meravigliosa passando dal we become a team al we are a team.

Io mi porto a casa invece l’essere stata capace di “far uscire” un pò di quello che i ragazzi hanno dentro di loro e che non sanno di avere.

In fin dei conti insegnare Educazione Fisica non significa soltanto allenare ed avere a che fare con il miglioramento del gesto sportivo o delle performances, quanto piuttosto con l’educare e cioè con il cercare di portare fuori, estrarre, guidare e condurre.

Arrivare al traguardo, risalire sui bus che ci riportavano a scuola ha significato ricominciare a sognare per un’altra esperienza, un’altra gara, un altro obiettivo.

Noi siamo pronti. La squadra delle ragazze classificandosi al primo posto su ventitré scuole partecipanti è passata alla fase successiva dei Campionati Studenteschi, pronte per confrontarsi con le migliori runners di tutta la provincia di Bergamo.

Complimenti a loro e a tutti i ragazzi della prima e seconda Middle, un gruppo fantastico.

 

Michela Dezza

Professoressa di Educazione Fisica

SEGUICI SU INSTAGRAM